Fondazione memoria della deportazione

english versioncerca
Ricerca
Seguici sufacebook english version
Fondazione Memoria della Deportazione

Corteo del 25 Aprile a Roma, ANPI e ANED chiedono l'intervento del sindaco

Dopo le polemiche dei giorni scorsi sulla partecipazione della Brigata Ebraica al corteo del 25 aprile nella Capitale, la sezione di Roma dell'ANED e la Presidenza nazionale fanno propria la richiesta contenuta in questo comunicato emesso dalla segreteria nazionale dell'ANPI:

"Il 25 Aprile è festa della Liberazione e dunque deve essere festa di tutti, oltre il doveroso ricordo e momento unitario di riflessione.
"Non è concepibile che le manifestazioni del 25 Aprile siano contrassegnate da incidenti, come da anni accade a Roma; ed è quindi indispensabile superare i contrasti e le divisioni.
"Certamente, non deve restare esclusa dal corteo del 25 Aprile la Brigata ebraica, che rappresenta combattenti per la libertà.
"E’ necessario, inoltre, evitare che la presenza di bandiere di Paesi stranieri rappresenti motivo di scontro ed è fondamentale che abbia una collocazione distinta rispetto ai simboli e alle bandiere delle forze partigiane.
"In ogni caso, poiché il Sindaco e il Vice Sindaco di Roma hanno auspicato una soluzione unitaria e pacifica, l’ANPI Nazionale propone che il Comune di Roma assuma la promozione e il coordinamento delle manifestazioni del 25 Aprile nella capitale, e che presso il Comune stesso si svolga un incontro cui partecipino, sotto la presidenza del Sindaco, tutte le  forze che si richiamano ai valori dell’antifascismo, della Resistenza e della Costituzione, in modo che ne scaturisca una soluzione condivisa, capace di consentire che a Roma il 25 Aprile sia davvero un giorno di festa, assolutamente pacifico, partecipato e unitario."

La sezione Aned di Roma aveva ritirato la propria adesione alla manifestazione unitaria per il 70mo anniversario della Liberazione al termine di una riunione organizzativa presso l'ANPI di Roma, lo scorso 30 marzo, a causa della dichiarata volontà di diverse organizzazioni presenti di impedire il ricordo nel corteo della partecipazione alla guerra di liberazione anche della Brigata Ebraica.

Già l'anno scorso, nel corso del corteo del 25 Aprile, lo spezzone di corteo che ricordava la Brigata Ebraica fu assaltato da gruppi di sedicenti filo-palestinesi, che cercarono di strappare le bandiere con la stella di Davide ai manifestanti. Ne nacque uno scontro che fu risolto dall'intervento massiccio della polizia, mentre molti presenti abbandonavano in fretta l'area della manifestazione.

Questo il comunicato emesso dalla sezione di Roma dell'ANED:

"Il 25 Aprile, a Porta San Paolo l’ANED – Roma (Associazione Nazionale ex Deportati nei Campi Nazisti) non ci sarà!

"Siamo giunti a questa amara e travagliata decisione a seguito a quanto accaduto nella riunione tenutasi presso la Casa della Memoria lunedì 30 marzo 2015, in preparazione della manifestazione/corteo per i 70 anni del 25 aprile 1945, Festa della Liberazione.

"Dopo lunghe ore di discussione conflittuale con le organizzazioni presenti, ANPI, Partigiani Giustizia e Libertà, CGIL, Partito Comunista, Rifondazione Comunista, Brigata Ebraica, Comunisti Italiani, Unione Studenti Italiani, Patria Socialista, Centro Sociale Acrobat, Centro Sociale Link, Fronte Palestina, Rete Romana Palestina, Rappresentanza Palestina in Italia, e altre molte delle quali non si capisce a che titolo presenti, discussioni in cui le minacce e gli insulti hanno prevalso, e hanno evidenziato gli stessi inaccettabili presupposti che, nelle passate edizioni, hanno dato luogo a veri e propri episodi di intolleranza.

"Noi che rappresentiamo gli ex deportati, sommersi e salvati, nei campi nazisti, sia politici che razziali, non possiamo accettare che lo spirito e i significati del 25 aprile, della Resistenza e della Liberazione vengano così totalmente snaturati e addirittura fatti divenire atto di accusa contro le vittime stesse del nazifascismo.

"Non possiamo accettare che rappresentati della lotta partigiana, della Liberazione, siano messi al bando solo ed esclusivamente per intolleranza.

"Con grande tristezza nel cuore quest’anno, quindi, non ci potremo essere".

Appresa la notizia, la Presidenza nazionale dell'ANED si è rivolta alle altre organizzazioni della Resistenza, sollecitando una presa di posizione unitaria che scongiuri una frattura alla vigilia del settantesimo anniversario della Liberazione.

"La questione della manifestazione romana per il 70° della Liberazione - aveva commentato il vicepresidente Dario Venegoni - non può finire così, con l'Asociazione degli ex deportati messa in condizione di non poter partecipare, per la prima volta in 70 anni, al corteo unitario di Porta San Paolo. Il punto è: quella manifestazione è ancora 'unitaria'? Se non lo è - e allo stato attuale, con evidenza, non lo è -, occorre che le forze della Resistenza reagiscano e impongano un'altra linea, che sia coerente con la storia e i valori della Resistenza".

L'ANED ha ribadito la piena legittimità della presenza nei cortei del 25 Aprile di chi vuole ricordare il contributo della Brigata Ebraica alla guerra di Liberazione. "La Brigata Ebraica è esistita, ha combattuto, ha avuto i suoi morti combattendo al fianco degli Alleati e dei partigiani per la libertà del nostro paese, ha detto Dario Venegoni. Combatteva sotto l'insegna della stella di Davide. Onorare questi combattenti è un dovere di tutti, allo stesso modo come onoriamo tutti gli antifascisti , di qualsiasi orientamento politico fossero. Perché la forza della Resistenza sta proprio nel pluralismo di forze che si seppero unire per combattere contro il fascismo e il nazismo, superando le proprie divisioni contingenti. Negare questo vuol dire negare la ragione stessa del 25 Aprile".