Il 25 maggio 1940 fu aperto il primo dei campi satellite di Mauthausen, quello di Gusen I. Nel ’42 seguirono altri 4 sottocampi. Il numero dei campi satellite aumentò decisamente a partire dal 1943, di pari passo con la decisione di utilizzare i deportati come schiavi nelle fabbriche di armamenti.

Il campo principale mantenne la funzione di registrare e smistare i nuovi venuti nei sottocampi, alcuni dei quali crebbero fino a contare più prigionieri dello stesso Lager di Mauthausen.

Nel novembre del ’44, per esempio, furono censiti 74.000 deportati nel complesso di Mauthausen: 13.000 nel campo principale e ben 60.000 in 22 campi satellite.

Questi i nomi dei sottocampi principali:

Amstetten

Aperto il 19 marzo 1945
Chiuso il 18 aprile 1945

Circa 3.000 uomini e 500 donne furono impiegati qui per rimuovere le macerie e consentire la ripresa del traffico ferroviario alla stazione bombardata dagli Alleati.

 

Bachmanning

Aperto il 20 settembre 1942
Chiuso poche settimane dopo

Una ventina di deportati vennero assegnati a questo piccolo campo di lavoro per conto della Deutsche Ausruestungswerke GesmbH.

Inizio pagina

Bretstein

Aperto nell’estate del 1941
Chiuso il 30 settembre 1943

Circa 80 prigionieri furono deportati qui per lavorare in una fattoria di proprietà delle SS e per la costruzione di una strada.

 

Dippoldsau

Aperto il 17 settembre 1943
Chiuso il 25 agosto 1944

I prigionieri (circa 130 al massimo) furono impiegati per la costruzione di alcuni edifici di una centrale elettrica.

 

Ebensee

Fondato il 18 novembre 1943
Liberato il 6 maggio 1945

Uno dei peggiori campi di tutto l’universo concentrazionario nazista. Nelle gallerie sotterranee, scavate con il lavoro di migliaia di deportati, il nazismo sperava di costruire l’arma segreta che avrebbe dovuto raddrizzare le sorti della guerra di Hitler. Il campo fu l’ultimo a essere liberato, il 6 maggio 1945 da una squadra dell’esercito americano comandata dal capitano Timothy Brennan, appena due giorni prima della resa definitiva del nazismo. A Ebensee furono deportati e morirono migliaia di italiani, in gran parte lavoratori arrestati dopo gli scioperi del marzo 1944. Il  censimento dei deportati incominciò immediatamente dopo la liberazione, in una baracca del campo. Oggi la cittadina di Ebensee è gemellata con l’italiana Prato, nel segno di una amicizia fondata sulla memoria del passato.

Scarica la scheda su Ebensee della Sezione ANED di Roma

Inizio pagina

Eisenerz

Aperto il 15 giugno 1943
Chiuso il 14 marzo 1945

In questo piccolo centro della Stiria circa 400 prigionieri lavorarono in dure condizioni in una miniera.

 

Enns

Aperto il 10 aprile 1945
Chiuso il 19 aprile 1945

Un campo che funzionò solo pochi giorni, ma che riuscì a mietere molte vittime tra i 2.000 deportati che vi furono trasferiti per costruire un’ultima disperata linea fortificata di difesa e rifugi antiaerei, di fronte all’inarrestabile avanzata degli eserciti alleati.

 

Grein

Aperto il 2 febbraio 1943
Chiuso il 19 febbraio 1945

Circa 120 deportati lavorarono qui alla costruzione di abitazioni, negozi e fabbricati a uso industriale.

Inizio pagina

Grossraming

Aperto il 14 gennaio 1943
Chiuso il 19 febbraio 1945

Con Bachmanning e Dippoldsau costituì un “Kommando” esterno. I deportati qui furono al massimo 1.013. Essi furono impiegati nella costruzione di una centrale elettrica.

 

Gunskirchen

Aperto il 12 marzo 1945
Liberato il 5 maggio 1945

Un luogo tremendo, nel quale vennero raccolti e smistati migliaia di ebrei ungheresi dopo le terribili marce di evacuazione dagli altri campi. Quando il Lager fu liberato dalle truppe americane, c’erano ancora tra 12.000 e 15.000 deportati, in grande maggioranza in condizioni fisiche disperate.

Inizio pagina

Gusen

 

Gusen, 1963Aperto il 25 maggio 1940
Liberato il 5 maggio 1945

Il primo e più vicino tra i sottocampi di Mauthausen, cimitero e luogo di tortura per migliaia di italiani.

Maggiori informazioni sui sottocampi di Gusen nella scheda redatta da Lucio Monaco.

Nella foto di Carlo Allieri, ex deportato: l’ingresso del Lager di Gusen, come appariva ancora nella primavera del 1963.

Harteim

Aperto a Pasqua del 1940
Chiuso a metà gennaio del 1945

Il Castello di Harteim non fu, strettamente parlando, un campo satellite di Mauthausen. Qui trovò applicazione la famigerata operazione “Eutanasia”, che vide l’eliminazione di decine di migliaia di handicappati fisici e psichici, colpevoli di offuscare l’immagine del superuomo nazista. Ma è provato che ci furono strette relazioni tra Harteim e Mauthausen. Al punto che almeno 4.841 prigiorieri del Lager furono uccisi in questo tragico castello.

Scarica la scheda  sul Castello di Hartheim predisposta della Sezione Aned di Roma

 

Hinterbruehl

Aperto nel settembre del 1944
Chiuso il 1° aprile 1945

I prigionieri di questo campo, indicato con il nome in codice “Julius”, lavorarono per la Heinkel alla produzione di aerei e di componenti per i missili V2. La produzione si svolgeva in condizioni disumane nelle gallerie sotterranee della zona, ricavate dal prosciugamento di un immenso lago sotterraneo. In questo campo furono deportati circa 2.000 deportati, quasi tutti politici; di essi molti gli italiani.

Inizio pagina

Hirtenberg

Fondato il 28 settembre 1944
Evacuato agli inizi di aprile del 1945

Un Lager femminile nel quale furono deportate 459 donne destinate al lavoro nella fabbrica di munizioni Gustloff-Werke.

 

Klagenfurt

Aperto il 19 novembre 1943
Chiuso nell’aprile del 1945

Circa 130 prigionieri furono deportati in questa località della Carinzia per partecipare alla costruzione di un centro di addestramento delle SS.

 

Leibnitz-Graz

Aperto il 9 febbraio 1044
Chiuso il 2 aprile 1945

I prigionieri lavorarono all’allargamento di una cava, alla costruzione di alcuni tunnel e in una fabbrica di armamenti. Vi furono impiegati 655 deportati.

Inizio pagina

Lenzing

Aperto il 3 novembre 1944
Liberato ai primi di maggio 1945

Un Lager femminile. Le deportate, 577, lavorarono alle dipendenze della Lenzinger Zellwolle AG.

 

Lind

Aperto il 22 giugno 1942 come satellite di Dachau
Passato alle dipendenze di Mauthausen il 19 novembre 1942
Chiuso il 15 aprile 1945

Una ventina di deportati furono costretti a lavorare qui in una azienda agricola delle SS.

 

Linz I

Aperto il 20 febbraio 1943
Chiuso il 3 agosto 1944

I deportati furono impiegati all’allestimento del Lager, alla costruzione di una strada e alla produzione della Reichwerke Hermann Goering. I deportati furono 790.

Inizio pagina

Linz II

Aperto il 27 febbraio 1944
Chiuso tra marzo e aprile del 1945

I 285 deportati in questo Lager forono impiegati nella costruzione di rifugi antiaerei.

 

Linz III

Aperto il 22 maggio 1944
Chiuso il 5 maggio 1945

Il maggiore dei 3 campi satellite di Linz. Vi furono rinchiusi 5.615 deportati impiegati in una fonderia, nella costruzione di centrali energetiche, in lavori di sbancamento e nella fabbricazione di carri armati.

 

Loiblplass-Nord e Sud

Aperto il 2 giugno 1943
Chiuso tra aprile e maggio del 1945

Due Lager, uno in Carinzia e l’altro in Slovenia, nei quali circa 1.300 deportati furono costretti a lavorare alla costruzione di una lunghissima galleria stradale che ancora oggi è utilizzata, al confine tra Slovenia e Carinzia. La perforazione del tunnel fu completata il 4 dicembre 1943.

Inizio pagina

Melk

Aperto il 21 aprile 1944
Evacuato tra l’11 e il 15 aprile del 1945

Uno dei principali sottocampi di Mauthausen, luogo di tortura e di martirio di migliaia di deportati, tra i quali moltissimi italiani. I deportati lavorarono prima allo scavo di immense gallerie sotterranee, e quindi alla produzione bellica che vi fu impiantata per conto della Steyr-Daimler-Puch AG la maggiore industria di armamenti del paese. La costruzione delle gallerie fu avviata nella primavera del ’44.Il 21 aprile si aprì il Lager con i primi 500 deportati provenienti da Mauthausen. Ogni mattina i deportati venivano caricati su carri bestiame per raggiungere il cantiere delle gallerie, a 4 chilometri e mezzo di sistanza.

La produzione bellica fu avviata nel dicembre ’44. Il 15 marzo gli stabilimenti sotterranei potevano disporre di un’area libera di ben 7.880 metri quadrati, mentre il lavoro di scavo proseguiva su un’altra vastissima area.

Circa 15.000 deportati furono costretti a lavorare a Melk, e almeno 5.000 morirono per le inumane condizioni di lavoro, l’assenza di ogni benché minima norma di sicurezza, la denutrizione, i maltrattamenti e gli assassinii deliberati.

 

Mittersill

 

Un piccolo Kommando di lavoro femminile nella zona di Salisburgo: 15 deportate furono impiegate in lavori di pulizia nelle fabbriche della zona.

 

Passau

Aperto il 19 ottobre 1942 come satellite di Dachau
Passato alle dipendenze di Mauthausen
Chiuso il 2 maggio 1945

In questa località furono aperti due piccoli Lager, Passau I e Passau II. I prigionieri del primo campo, 83, lavorarono alla costruzione di una diga di una centrale elettrica; quelli del secondo in una fabbrica di armamenti tra il 9 marzo e il 7 novembre 1944.

Inizio pagina

Peggau

Aperto il 17 agosto 1944
Chiuso il 2 aprile 1945

Gli 888 deportati di questo Lager lavorarono prima alla costruzione di gallerie sotterranee e poi alla produzione di componenti per aeroplani.

 

Redl-Zipf

Aperto l’11 ottobre 1943
Evacuato il 3 maggio 1945

Nel Lager, anche conosciuto come “Schlier”, circa 1.500 deportati lavorarono prima alla costruzione di uno stabilimento e quindi alla produzione di ossigeno per missili. Il 3 aprile 1945 fu trasferito qui il Kommando di lavoro “Bernhard” di Sachsenhausen che produceva monete, composto da 141 prigionieri. Il 3 maggio 1945, sotto l’incalzare degli eserciti alleati, il Lager fu evacuato e i deportati trasferiti con una drammatica “marcia della morte” a Ebensee.

 

Saurer-Werke (Wien)

Aperto il 20 agosto 1944
Chiuso il 2 aprile 1945

In questo Lager nella zona di Vienna 1.500 deportati furono costretti a lavorare alla produzione di motori per carri armati.

Inizio pagina

Schiffslager Mauthausen

Aperto il 28 aprile 1945
Liberato il 5 maggio 1945

Un Lager nel quale, sul finire del conflitto, vennero rinchiusi in condizioni indicibili 736 prigionieri di guerra sovietici.

 

Schoenbrunn (Wien)

Aperto il 28 settembre 1944
Chiuso nell’aprile 1945

Cinque scienziati prigionieri dei nazisti lavorarono qui all’Istituto di ricerche sull’automobile, di proprietà delle SS. Dall’Istituto uscirono invenzioni e innovazioni essenziali allo sforzo bellico tedesco, nel campo della tecnologia dei motori.

 

Steyr-Muenicholz

Aperto il 14 marzo 1942
Evacuato alla fine di aprile del 1945
Chiuso il 5 maggio 1945

I 1.971 prigionieri di questo Lager lavorarono alla produzione di cuscinetti a sfere per motori aeronautici per conto della Steyr Daimler-Puch AG.

Inizio pagina

St. Aegyd am Neuwalde

Aperto il 2 novembre 1944
Chiuso il 1° aprile 1945

Un altro Kommando al quale furono assegnati 300 deportati, al servizio dell’Istituto di ricerche sull’automobile di proprietà delle SS.

 

St. Lambrecht

Aperto il 2 novembre 1944
Chiuso il 1° aprile 1945

Piccolo Lager della Stiria al quale furono assegnati 80 deportati per lavori nelle foreste e nelle tenute di una fattoria delle SS. Nella stessa zona c’era un campo femminile, con 23 deportate.

 

St. Valentin

Aperto il 21 agosto 1944
Chiuso il 23 aprile 1945

I 1.480 prigionieri lavorarono per la Steyr Daimler-Puch AG alla produzione di componenti per carri armati.

Inizio pagina

Schwechat

Aperto il 30 agosto 1943
“Santa I” fu chiuso il 13 luglio 1944
“Santa II” il 1° aprile 1945

Due distinti Lager furono aperti in questa località della Bassa Austria, e per un certo periodo funzionarono contemporaneamente. I deportati, in totale 2.568, lavorarono alla produzione e al montaggio di componenti per aerei per conto della Heinkel.

 

Ternberg

Aperto l’8 febbraio 1943
Chiuso il 18 settembre 1944

Un Lager con 406 prigionieri, impegnati nella costruzione di alcune strade e di una centrale elettrica.

 

Voecklabruck

Aperto il 6 giugno 1941
Chiuso il 14 maggio 1942

Circa 300 deportati furono impiegati qui nella costruzione di una strada. Quando il lavoro fu completato e il campo chiuso, i superstiti vennero trasferiti a Ternberg.

Inizio pagina

Wels

Aperto il 27 dicembre 1944
Chiuso nell’aprile 1945

All’inizio i prigionieri lavorarono alla costruzione di un magazzino; in seguito furono impiegati nella riparazione di componenti di auto e di aerei. Furono deportate a Wels 1.900 persone.

 

Wien-Floridsdorf

Aperto il 14 giugno 1944
Evacuato il 1° aprile 1945

I prigionieri furono impiegati nel trasferimento di un impianto di costruzione di componenti per aerei nelle cantine sotterranee della birreria Jedlesee.

 

Wiener Neudorf

Aperto il 2 agosto 1943
Evacuato il 2 aprile 1945

I 2.954 deportati in questo campo furono impiegati nella produzione di motori aeronautici per conto della Flugmotorenwerke Ostmark.

Inizio pagina

Wiener Neustadt

Aperto il 20 giugno 1943
Chiuso il 17 novembre 1943
Riaperto il 5 luglio 1944
Evacuato il 1° aprile 1945

La Rax-Werke, fabrica di motori, fu convertita nel 1943 nella produzione dei missili V2, che fu avviata a luglio.500 uomini furono trasferiti qui dal campo principale a giugno, e altri 772 a ottobre. A novembre, dopo i bombardamenti alleati, l’impianto fu chiuso e i prigionieri deportati in altri Lager dove si proseguiva la produzione sotterranea dei missili di Von Braun: Redl-Zipfe e Dora Mittelbau. Anche a Neustadt si decise infine di trasferire la produzione bellica sotto terra per sottrarla ai micidiali bombardamenti alleati. Nel luglio 1944 il Lager fu riaperto per ospitare i deportati che furono costretti a lavorare in condizioni indicibili alle gallerie sotterranee. Le vittime di questo Lager furono centinaia e centinaia.

Zeltlager Mauthausen

Aperto nell’autunno del 1944
Liberato il 5 maggio 1945

Un campo di tende, nei pressi del campo principale di Mauthausen. Qui furono raccolti i deportati evacuati con le terribili “marce della morte” dagli altri Lager (Auschwitz, Flossenbuerg, Sachsenhausen, Buchenwald, Gross Rosen). Il campo arrivò a contenere 10.000 prigionieri, in condizioni spaventose.

Inizio pagina