Fondazione memoria della deportazione

english versioncerca
Ricerca
Seguici sufacebook english version
Fondazione Memoria della Deportazione

Esterwegen

Costituzione: 8 marzo 1934
Ubicazione: nella zona paludosa di Papenburg, a nord est del confine fra Germania e Olanda



Nel cosiddetto Emsland, Esterwegen, assieme a Börgermoor, Aschendorfermoor ed altri, costituiva un sistema integrato di 15 campi di concentramento, noto sotto il nome cumulativo di «Moorlager» cioè campi nelle paludi.
In un primo tempo questo complesso, sorto originariamente come penitenziario, è stato alle dirette dipendenze del Ministero della Giustizia e affidato alla custodia e alla gestione di reparti speciali delle SA e della Gestapo. Poi, nell'autunno l936, anche questi campi passarono sotto la giurisdizione delle SS come ogni altro KZ e furono amministrati alle dipendenze di Neuengamme.
Inizialmente, dunque, i prigionieri erano in maggioranza dei politici e militari tedeschi, contestatari dell'ideologia e della disciplina hitleriana. Nei Moorlager venivano inviati preferibilmente prigionieri politici, condannati alla pena capitale dai tribunali speciali del regime, pena che spesso veniva eseguita in luogo. Altri prigionieri, condannati a pene detentive, dopo averle espiate, ripartivano per altri Lager, per essere sottoposti ad una radicale e spesso mortale «rieducazione politica». Nei Moorlager i deportati dovevano estrarre la torba o prosciugare le paludi di Papenburg, secondo un progetto che fu poi abbandonato, perché troppo complesso e costoso. Esterwegen ed i campi collaterali furono allora utilizzati per lo smistamento di deportati di diversa provenienza, assegnati ai lavori forzati lungo le coste olandesi, norvegesi e francesi.
Si stima che dal 1933 al 1945 siano transitate per Esterwegen circa 180.000 persone. Non si conosce il numero esatto delle vittime, perché nei registri del campo sono stati annotati soltanto 8.900 decessi.
Nei Moorlager furono rinchiusi eminenti personaggi della opposizione democratica, fra cui quel Carl von Ossietsky che fu insignito del premio Nobel per la pace nel 1935, quando già si trovava nelle mani dei suoi aguzzini nazisti che non esitarono ad assassinarlo, come tanti altri.
In uno di quei Lager il musicista Rudi Goguel compose la parte melodica di una canzone, su testo di Johann Esser e Wolfgang Langhoff che, cantata in varie lingue, divenne una specie di inno ufficiale della deportazione. Il titolo originale tedesco è «Die Moorsoldaten».
Da questi Lager uscì clandestinamente la prima documentazione sulle atrocità del regime concentrazionario hitleriano che, per vie traverse, poté essere diffusa nel mondo libero. Purtroppo non fu presa sul serio, perché i fatti esposti apparvero talmente incredibili da rasentare la follia. Quando le autorità competenti e l'opinione pubblica si resero conto della verità, era ormai troppo tardi.