A oltre 75 anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, la maggior parte dei sopravvissuti ai campi di concentramento non è più con noi. Ciò ha importanti conseguenze per il discorso pubblico sulla Memoria e l’ANED ritiene sia ora fondamentale rafforzare la dimensione di didattica delle sue iniziative e investire in una diffusione delle testimonianze dei sopravvissuti che possa continuare ad avere incisività anche attraverso l’uso del digitale. 

 

Dopo un approfondito e fruttuoso lavoro di collaborazione con l’Associazione Lapsus, l’ANED ha dunque realizzato, e pubblicato sulla piattaforma  Eduopen,  il corso online dal titolo “Storia e memoria delle deportazioni nazifasciste” .

Il corso è fruibile gratuitamente e fornisce gli strumenti necessari per ricostruire e comprendere il complesso processo che ha portato ai campi di concentramento e sterminio. Troppo spesso ci si trova infatti di fronte a una narrazione che si ferma solo sull’aspetto emotivo: la commemorazione si focalizza sulle testimonianze degli orrori subiti dai deportati, tralasciando la riflessione sul contesto sociale e politico in cui le deportazioni vennero ideate e portate avanti, delegando questo argomento solo al momento previsto dal programma di storia, programma che non in tutti i contesti scolastici è affrontato a dovere. Con questo corso ANED e Lapsus si propongono di colmare questa lacuna aiutando altresì a comprendere le implicazioni ancor oggi rilevanti di quel tragico periodo storico.

 

Da gennaio 2022, ANED e Lapsus hanno inoltre avviato la pubblicazione di una serie di kit per le scuole, scaricabili gratuitamente e arricchiti da numerosi fonti multimediali.

Il primo kit didattico disponibile è intitolato “Reprimere, obbedire, deportare. Dal Tribunale Speciale alla Repubblica Sociale”.                      Scarica il kit qui —>

 

Oltre a queste risorse espressamente progettate per la didattica, il sito dell’ANED è un’importante fonte d’informazioni sui temi legati all’avvento del regime nazi-fascista, il sistema concentrazionario e la deportazione italiana.  Le sezioni dedicate ai lager, alla cronologia della deportazione, ai libri scaricabili gratuitamente, così come le recensioni scritte per noi dal critico cinematografico Michele Anselmi forniscono moltissimi spunti per progettare attività in classe o per ricerche e tesi di laurea.

L’ANED Nazionale e le sue Sezioni sul territorio sono inoltre a disposizione di docenti e studenti di ogni ordine e grado per fornire materiali e indicazioni bibliografiche mirati alle loro esigenze di approfondimento e possono essere contattati in ogni periodo dell’anno per organizzare incontri a scuola con la testimonianza di esperti e familiari di deportati o visite guidate ai luoghi della memoria.

Per contattare l’Associazione è possibile scrivere alla segretaria nazionale, oppure direttamente alle Sezioni territoriali.